Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

La competizione di regolarità, organizzata da ACI Sport, è riservata alle energie rinnovabili e alternative: in gara solo auto ecologiche

A Merate debutto assoluto dell’unità mobile di rifornimento di biometano promossa da Snam4Mobility


Disputato sabato 10 e domenica 11 ottobre il 1° Green Prix Città di Merate, primo appuntamento della terza edizione del Green Endurance, Campionato Italiano Energy Saving riservato alle vetture ecologiche alimentate con energie alternative e rinnovabili.

La competizione di regolarità, organizzata da ACI Sport, ha la finalità di promuovere anche in ambito sportivo la mobilità sostenibile, oltre che far conoscere al pubblico le tecnologie green applicate alla mobilità e modelli e propulsioni disponibili sul mercato.

Nelle 2 giornate, Gara1 il sabato e Gara 2 la domenica, si sono sfidati in 4 manche 20 equipaggi, che si sono misurati su un percorso di 328 km complessivi, con 9 prove speciali a media e 19 cambi media sviluppati su 130 km, oltre a 142 rilevamenti cronometrici segreti.

I premiati

1° Green Prix Città di Merate, valido per l’assegnazione del titolo di Campioni Italiani. Ad aggiudicarsi il primo posto di Gara 1 e Gara 2, e quindi anche il 1° Green Prix Città di Merate, realizzato in collaborazione con Snam4Mobility, è la 500 Abarth a biometano dell’Ecomotori Racing Team, Nicola Ventura pilota e Monica Porta navigatore. In seconda posizione, in entrambe le gare, la Seat Leon a biometano dell'Etruria Racing, alla guida Cesare Martino, navigatore Francesca Olivoni. Al terzo posto in Gara 1 la Toyota C-HR ibrida a biometano, pilotata da Walter Fuzzy Kofler navigato da Franco Gaioni, in Gara 2 la Nissan Leaf elettrica pilotata da Leonardo Spacone, navigato da Cristian Loria.

Trofeo Green Endurance, dedicato alle new entry della specialità, accessibile a tutti i possessori di un’auto ecologica. Fabio Trani e Alessandro Giuseppe Boschiroli su Toyota Corolla ibrida primi in Gara 1 e secondi in Gara 2. Daniele e Marco Fuselli su Renault Zoe elettrica secondi in Gara 1 e primi in Gara 2. Terzi in entrambe le competizioni Andrea Donzelli e Christian Pastore su Hyundai Kona Electric.

L’unità mobile di rifornimento di biometano

La gara è stata l’occasione per il debutto assoluto dell’unità mobile di rifornimento di biometano - carburante in tutto e per tutto identico al gas naturale ma al 100% rinnovabile, ottenuto attraverso un processo di raffinazione del biogas - fortemente voluta da Snam4Mobility e utilizzata per rifornire le vetture in competizione.

Il dispositivo è stato testato alla presenza del Vice Presidente della Commissione Energie Alternative della FIA Raffaele Pelillo, in vista di ulteriori applicazioni nel motorsport green. In particolare, il sistema potrebbe essere utilizzato per alimentare i generatori di corrente, come quelli che riforniscono le auto elettriche durante le competizioni, con energia pulita e rinnovabile.

Il Green Park

Centro nevralgico della gara è stato il Green Park, l’area dove al termine di ogni manche le auto hanno sostato in esposizione, affiancandosi ad alcune vetture dimostrative posizionate in piazza Prinetti a Merate per tutta la durata della manifestazione. Snam4Mobility ha messo a disposizione tre vetture a biometano: una Alfa Romeo Stelvio, una Fiat Panda Hybrid e una Abarth 124 Spider. Inoltre una Opel Corsa-e elettrica, courtesy of Opel Sala Luciano e una Volkswagen ID3 di Autocogliati.

Le prossime gare del Green Endurance 2020

Dopo le due gare del 1° Green Prix Città di Merate del 10 e 11 ottobre, segue il 1° EcoGreen Valtellina del 24 e 25 ottobre, che si svolge nel territorio di Sondrio: 4 tappe da 70 chilometri ciascuna, in un percorso che toccherà numerosi piccoli Comuni della Valtellina della Strada dei Vini e della Strada delle Valli. Per informazioni e iscrizioni è disponibile il sito www.greenendurance.org.

Il Campionato

Vetture ammesse e alimentazioni consentite

Sono ammesse esclusivamente vetture omologate per la circolazione stradale nell’UE – escluse quelle con targa prova – elettriche, ibride, a biometano, metano e Gpl. Queste le categorie: Cat. IIIA, BEV - Battery Electric Vehicles; Cat. VII, HEV - Hybrid Electric Vehicles, PHEV - Plug in Hybrid Electric Vehicles e EREV - Extended Range Electric Vehicles; Cat. VIII, ICE - Internal Combustion Engine Bi-fuel/Dual-fuel Metano/Biometano e Gpl. Richiesti la Licenza AciSport e il Certificato Medico Sportivo.

Come si svolgono le gare

Ogni competizione, che si compone di un mix di prove speciali, è suddivisa in due manche. A guidare gli equipaggi – composti da pilota e navigatore - il Road Book, un libro di diagrammi usati tradizionalmente nei rally per indicare la strada da seguire. L’emergenza sanitaria Covid-19 ha comportato la necessità di snellire le procedure di gara obbligando a rinviare al 2021 le nuove prove previste (Green Stage, Fan Charge e Green Drive) e a mettere in stand by per questa stagione l’analisi dei consumi. Il Regolamento di Settore è quindi stato rivisitato per rendere la gara più avvincente sul lato sportivo.

I titoli

Dopo le gare di Sondrio Aci Sport assegnerà i seguenti titoli: Campione Italiano Green Endurance Assoluto Piloti, Navigatori, Scuderie e Costruttori e Trofeo Green Endurance Piloti, Navigatori e Costruttori per le varie categorie, ovvero IIIA, VII e VIII. Quest’ultimo è dedicato ai concorrenti che si avvicinano per la prima volta a questa disciplina e non sono dotati di strumenti professionali: un tablet o un cellulare sono gli unici strumenti ammessi.

SCARICA LE CLIP E LE IMMAGINI in alta risoluzione

Una raccolta di lettere di Rita Panciatichi e Francesca Francisconi scritte durante il lockdown

Presentato nella serata del 29 settembre al Calafoma nel corso di un aperitivo - agricocktail il libro Splendere comunque, che raccoglie le lettere che si sono scambiate le autrici, Rita Panciatichi e Francesca Francisconi durante il lockdown sul blog Rimmel Ribelle.

Leggi tutto...

In preparazione analoga intesa con il WWF

Obiettivo, la realizzazione del progetto “Giardino della Biodiversità”

L’azienda agricola agrituristica Calafoma di Forlì annuncia la firma di un accordo di collaborazione con l’associazione Patriarchi della Natura in Italia, costituita nel 2006 su iniziativa di alcuni naturalisti romagnoli che da tempo erano impegnati nel monitoraggio degli alberi monumentali.

Leggi tutto...

Su percorso misto, 18,7 km/lt con la benzina e 37 km/kg con il metano

Il test drive di Ecomotive Solutions e Autogas Italia

 
 
Per le case automobilistiche ridurre i consumi di carburante e contestualmente le emissioni di inquinanti è un obbligo ma anche una necessità per ottenere un buon posizionamento sul mercato globale, con particolare interesse per la riduzione di anidride carbonica emessa.
Leggi tutto...

Raduno nazionale cinofilo, iscritti oltre 250 cani

Protagonista il bracco tedesco, aristocratico cane da caccia a pelo corto

L’azienda agricola agrituristica Calafoma, in via Tibano 4, località Ronco, a cinque minuti dal centro di Forlì, ospita il 12 e il 13 settembre due eventi cinofili di importanza nazionale che richiameranno nella bella location forlivese oltre 250 esemplari di Kurzhaar, meglio conosciuto come bracco tedesco.

Leggi tutto...